Afterword: De-structuring the Meaning of the Mobile Phone, L. Fortunati

€5.00

Da Encyclopaideia n° 28, 2010, Anno XIV. 

Dettagli / Details

Formati disponibili
Dimensione file
Pagine
Lingua
Protezione

pdf

516 Kb

25

Articolo in Inglese con Abstract in Italiano

Stampa e copia non permesse

Available Format
File Size
Pages
Language
Protection

pdf

516 Kb

25

English Article with Italian Abstract

Print and Copy not permitted

Abstract

Postfazione: De-strutturare il significato del cellulare

Leopoldina Fortunati
University of Udine

In questa postfazione ho cercato di concentrarmi sul significato del cellulare destrutturandolo. Per catturare i modi in cui gli studi sul cellulare hanno concettualizzato il suo ruolo, propongo di applicare un modello tripartito, in cui il cellulare è visto: 1) come il polo dominante (il vero motore del cambiamento sociale); 2) come il polo più debole (cioè come un elemento che ha meno potere degli esseri umani); 3) come un elemento che ha lo stesso peso e potere degli esseri umani. Nella prima area ho preso ad esempio il determinismo tecnologico, nella seconda parte la teoria dell’addomesticamento e nella terza la teoria del modellamento sociale della tecnologia. Ho dedicato una particolare attenzione a questa ultima teoria con lo scopo di chiarire il senso della mutua relazione che, a suo suggerimento, esiste tra esseri umani e artefatti tecnologici. Mentre Latour è propenso a vedere questa relazione come simmetrica, altri autori (tra cui la sottoscritta) sono convinti che questa mutualità sia in realtà asimmetrica: il potere è più nelle mani degli esseri umani che negli oggetti tecnologici.
Poi, per superare i limiti entro cui gli attuali studi sul cellulare si dibattono propongo un nuovo quadro teorico organizzato in due livelli. Il primo livello è costituito da un modello più complesso di quelli che sono applicati attualmente e che vede sia il cellulare che gli e-actors giocare entrambi una pluralità di ruoli. Il secondo livello comprende la concettualizzazione del cellulare come un oggetto culturale, adattando per la relativa analisi il “diamante culturale”, lo strumento euristico proposto da Wendy Griswold. Questa seconda operazione si è rivelata particolarmente fertile, dal momento che ha consentito di capire meglio dove gli studi sulle pratiche d’uso del cellulare si situano nel più largo panorama dei campi di studio adiacenti (sociologia della cultura e sociologia della scienza e della tecnologia). In secondo luogo ha consentito di operare una fertilizzazione incrociata tra questi tre differenti campi di studio, e infine di chiarire, con l’aiuto di Malinowski, come avviene il processo di ibridazione tra cellulari ed esseri umani.
La concezione relazionale del cellulare è un modo più maturo, rispetto al funzionalismo, di descrivere il ruolo del cellulare nella società. Tuttavia, focalizzarsi su una concezione relazionale del cellulare non è la soluzione definitiva al nostro problema di capire il significato del cellulare. Infatti questa analisi è descrittiva, capace solo di illustrare come avviene la relazione tra esseri umani e cellulari. Essa non è capace di spiegare perché questa relazione ha luogo, cioè perché le persone usano il cellulare e perché la società ha integrato questo strumento comunicativo sia nella sfera della produzione dei beni che nella sfera della riproduzione degli individui (famiglia, casa e così via). Con la conseguenza che il significato del cellulare a livello sociale, economico e psicologico sfugge.
Un aiuto parziale nella direzione di comprendere il significato del cellulare può venire da un’altra larga sezione di studi che risponde implicitamente alla domanda di ricerca perché la gente usa il cellulare? Sono gli studi in cui la risposta ricorrente è “perché è comodo”. Questi studi, che spiegano l’uso del cellulare ricorrendo alla legge di Occam, sono tuttavia capaci di catturare solo una parte limitata del significato di questo artefatto tecnologico. Un altro aiuto per rintracciare il significato del cellulare, anche se altrettanto parziale, può provenire dagli studi sulle rappresentazioni sociali delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICTs) che sono state svolti in questi anni e che rappresentano una fusione tra strumenti di ricerca sociologici e psicologici. Questi studi hanno investigato non direttamente il significato del cellulare ma la sua rappresentazione sociale, che naturalmente può condizionare il significato di questo strumento comunicativo.
La pista più promettente per catturare il significato del cellulare rimane quella che proviene dagli studi femministi, che hanno definito il cellulare come uno strumento di lavoro immateriale che agisce nel processo di valorizzazione della vita quotidiana. Nella sfera domestica della società post-moderna gli ICTs condizionano in modo nevralgico la nostra capacità di produrre lavoro immateriale ad ogni livello: nel campo della formazione, educazione e informazione, così come nel campo dell’organizzazione, cooperazione, coordinamento e intrattenimento. Un ulteriore supporto a questo approccio viene dagli studi sulle emozioni. La definizione del cellulare come strumento di lavoro immateriale è probabilmente quella che riesce a cogliere meglio il significato del cellulare. Per questa ragione, sarebbe importante che le prossime ricerche partissero proprio da qui

Parole chiave: Determinismo Tecnologico – Teoria dell’Addomesticamento – Teoria del Modellamento Sociale della Tecnologia – Ruoli Multipli del Cellulare – Strumento Euristico del Diamante Tecnologico – Sfera Riproduttiva

English Abstract

In this afterword I try to focus on the meaning of the mobile phone by de-structuring it. For analysing the relationship humans-mobile I proposed to apply a tripartite model, in which the mobile phone is seen or the dominant side of the polarity, or the weakest or as an element with the same power of humans. In the first strand I analysed technological determinism, in the second domestication theory and in the third the theory of social shaping of technology. Then, I proposed a new theoretical framework in two levels: a more complex model based on the mobile phone and the e-actor as both players of multiple roles and the application of the heuristic tool of the technological diamond. This has allowed to understand better where the studies on the practices of use of the mobile phone situate themselves in respect to the connected fields of studies (sociology of culture and sociology of science and technology), to operate a cross-fertilization among these three different fields, and finally to clarify, with Malinowski’s help, the notion of hybridization.

Keywords: Technological Determinism – Domestication Theory – Social Shaping of Technology Theory – Multiple Roles of the Mobile Phone – Heuristic Tool of the Technological Diamond – Reproductive Sphere

Continue Shopping
Browse more Magazine or Bononia University Press products.