“Assimilation, but to What Mainstream?”: Immigrant Youth in a Super-Diverse High School

€5.00

Da Encyclopaideia n° 33, 2012, Anno XVI. 

Dettagli / Details

Formati disponibili
Dimensione file
Pagine
Lingua
Protezione

pdf

348 Kb

28

Articolo in Inglese con Abstract in Italiano

Stampa e copia non permesse

Available Format
File Size
Pages
Language
Protection

pdf

3484 Kb

28

English Article with Italian Abstract

Print and Copy not permitted


Abstract

Christine Brigid Malsbary

University of Hawai’i – Manoa

“Assimilazione, ma a quale normalità?”: giovani immigrati in una scuola superiore super-diversa

Questo articolo esplora alcuni risultati tratti da uno studio etnografico in una scuola superiore multietnica, multilingue nel sud della California. Il studio si rifà alla cornice epistemologica della teoria della “super-diversità” di Vertovec (2007) e risponde alla domanda di Portes: “assimilazione, ma a quale normalità?” (2005). Malsbary tiene traccia delle esperienze di socializzazione di quattro giovani immigrati dalla Corea, dal Messico, dall’Iran e dal Pakistan. La loro inculturazione all’interno del gruppo dei pari e della comunità scolastica era differenziata da etnia, origine nazionale e lingua. Le esperienze dei giovani indicano la necessità di politiche di appartenenza. Per esempio, il giovane messicano ha vissuto un’intensa esperienza di razzismo ma allo stesso tempo ebbe un ampio gruppo di pari che ha provveduto aiuto sociale e istituzionale. Al contrario, un altro giovane immigrato sarebbe potuto essere socialmente isolato ma anche esperire modelli di flessibilità culturale che includessero il transnazionalismo, il bilinguismo e l’adozione di altre culture. La ricerca sui giovani di recente immigrazione deve considerare la intersezionalità degli aspetti identitari così come mappare i processi multidimensionali e polivalenti di assimilazione che avvengono in contesti super-diversi.

Parole chiave: Giovani migranti – Super-diversità – Etnia – Lingua – Assimilazione

English Abstract

This article explores some results from an ethnographic study of a multiethnic, multilingual high school in Southern California. The study is framed by Vertovec’s theory of “super-diversity” (2007) and responds to Portes’ question: “Assimilation, but to what mainstream?” (2005). Malsbary traces the socialization experiences of four immigrant youth from Korea, Mexico, Iran, and Pakistan. The youths’ acculturation into peer groups and the school community was differentiated by race, national origin and language. The youths’ experiences point to processes that indicate politics of belonging. For example, Mexican youth experienced intense racism but simultaneously had a large peer group that provided social and institutional supports. Conversely, other immigrant youth could be socially isolated, but also experienced patterns of cultural flexibility that included transnationalism, bilingualism, and adopting cultures. Research on recentlyarrived immigrant youth must consider the intersectionality of identity markers, as well as map out multidimensional and multivalent processes of assimilation that occur in super-diverse contexts.

Keywords: Immigrant Youth – Super-diversity – Race – Language – Assimilation

 

Continue Shopping
Browse more Magazine or Bononia University Press products.