Educare lo sguardo. Riflessioni pedagogiche sugli albi illustrati, M. Campagnaro

€5.00

Da Encyclopaideia n° 35, 2013, Anno XVII.

Dettagli / Details

Formati disponibili
Dimensione file
Pagine
Lingua
Protezione

pdf

1649 Kb

19

Articolo in Italiano con Abstract in Inglese

Stampa e copia non permesse

Available Format
File Size
Pages
Language
Protection

pdf

1649 Kb

19

Italian Article with English Abstract

Print and Copy not permitted



Educare lo sguardo. Riflessioni pedagogiche sugli albi illustrati


Marnie Campagnaro

Università di Padova

 

Abstract

Gli albi illustrati rappresentano una preziosa risorsa educativa nel percorso di crescita di un bambino. Grazie al peculiare linguaggio della narrazione iconica, i bambini possono dimostrare, se adeguatamente sollecitati, insospettabili abilità di lettura critica. Negli ultimi anni, la produzione editoriale italiana di albi illustrati non si è rivolta esclusivamente ai bambini della scuola dell’infanzia, ma si è arricchita di originali e audaci proposte che sembrano favorevolmente incontrare l’interesse di lettori più maturi, sino a raggiungere la fascia degli adolescenti e giovani adulti. L’articolo propone una riflessione critica sul potenziale educativo degli albi illustrati nella scuola primaria, focalizzandosi sia sulla molteplicità dei linguaggi iconici presenti negli albi illustrati (linguaggio iconico denotativo e linguaggio iconico connotativo) che sulle competenze di alfabetizzazione visiva richieste al giovane lettore per “leggere le figure” e penetrare ermeneuticamente i significati simbolici di una trama visiva.

 

Parole chiave: Albi illustrati – Immaginazione – Illustrazione – Alfabetizzazione visiva – Letteratura per l’infanzia


English abstract 

Educating to observe. Pedagogic considerations on picturebooks

Picturebooks are a valuable educational resource in the children’s growth. Thanks to the peculiar language of the iconic narration, children can demonstrate, if properly stimulated, unexpected critical reading skills. In recent years, the Italian production of picturebooks has not only been aimed at preschool children, but has also been enriched by original and daring proposals, that seem to favourably meet the interest of more mature readers (until adolescents and young adults). This article proposes a critical reflection on the educational potential of picturebooks in primary school, focusing both on the multiplicity of the iconic languages represented in picturebooks (denotative and connotative iconic language) and on the visual literacy skills the young reader has to master to be able to “read pictures “and hermeneutically penetrate the symbolic meanings of a visual narration.

 

Keywords: PicturebooksImaginationIllustration – Visual LiteracyChildren’s Literature
Continue Shopping
Browse more Magazine or Bononia University Press products.