Educazione e moralità nella riflessione critica di Antonio Erbetta. Le radici di una prospettiva culturale, S.Calvetto

€5.00

Da Encyclopaideia n° 36, 2013, Anno XVII.

Dettagli / Details

Formati disponibili
Dimensione file
Pagine
Lingua
Protezione

pdf

2109 Kb

28

Articolo in Italiano con Abstract in Inglese

Stampa e copia non permesse

Available Format
File Size
Pages
Language
Protection

pdf

2109 Kb

28

Italian Article with English Abstract

Print and Copy not permitted

Educazione e moralità nella riflessione critica di Antonio Erbetta. Le radici di una prospettiva culturale

Silvano Calvetto

Università di Torino

Abstract

La riflessione di Antonio Erbetta assume il legame tra educazione e moralità come
uno dei suoi temi più significativi. A partire dagli studi giovanili su Antonio Banfi, e
intrecciando le diverse eredità pedagogiche e culturali provenienti da quella scuola, con
particolare riguardo per il problematicismo di Giovanni Maria Bertin e la pedagogia
fenomenologica di Piero Bertolini, Erbetta individua nel nesso tra esperienza, educazione
e cultura la condizione di possibilità per l’esistenza della stessa pedagogia. Una
pedagogia come teoria della cultura, quindi, che trova nella moralità la sua costitutiva
legittimazione critica. Una genealogia culturale, quella di origine banfiana, sempre
presente nella riflessione di Erbetta la quale, tuttavia, mobilita, sin dal suo avvio, ulteriori
orientamenti culturali, facendosi così interprete di un’idea di educazione come
“esperienza vissuta dell’uomo in quanto cultura”.

 

Parole chiave: Moralità – Crisi – Esperienza – Educazione – Cultura

English abstract 

Education and Morality in Antonio Erbetta Critical Reflection. Roots of a
Cultural Perspective

Antonio Erbetta’s thought assumes the link between education and morality among its
most relevant themes. He begins his early studies on Antonio Banfi, weaving together
the different pedagogical and cultural approaches of that school, with particular regard
for Giovanni Maria Bertin’s pedagogical problematicism and the phenomenological
pedagogy of Piero Bertolini. Erbetta thus recognizes in the connection between experience,
education and culture the condition of possibility for the existence of pedagogy
itself. Such a pedagogy represents a theory of culture and draws its constitutive critical
legitimacy from morality. This cultural genealogy originated with Banfi is always
present in Erbetta’s thought which nevertheless since its beginning mobilizes other cultural
tendencies, embodying thus the idea of an education which is “the lived experience
of man considered as culture”.

 

Keywords: Morality – Crisis – Experience – Education – Culture
Continue Shopping
Browse more Magazine or Bononia University Press products.