I confini d’Italia

€25.00

I confini d’Italia

Geografie della nazione dall’Unità alla Grande Guerra

di Matteo Proto

--------------------------------------------------------

DETTAGLI 

Formato Dimensione Pagine Lingua Anno ISBN
LIBRO 17X24 172 Italiano 2015
978-88-7395-994-6

 -------------------------------------------------------

L’immagine dell’Italia che abbiamo imparato a conoscere dalle carte geografiche, dai testi scientifici o divulgativi e dallo studio scolastico delle regioni è il risultato di un lungo processo concettuale e territoriale. La Geografia ha contribuito a definire il territorio dello Stato e a convogliare il sentimento patrio sia con l’elaborazione di specifici concetti spaziali che attraverso le mappe, strumenti di grande valore strategico, didattico e propagandistico. L’apporto dei geografi è risultato cruciale nel processo di consolidamento e allargamento dell’orizzonte nazionale in concomitanza con le guerre e le campagne coloniali che hanno interessato la storia contemporanea d’Europa e d’Italia. I confini d’Italia ricostruisce il contributo delle scienze geografiche alla causa della nazione e colma un significativo vuoto della storiografia sugli anni cruciali successivi all’Unità e fino al primo dopoguerra. Terre irredente, colonie, regioni di confine sono gli ambiti di indagine esplorati dai geografi per definire dall’interno e dall’esterno lo spazio fisico e culturale dello Stato-nazione. I protagonisti di questa fase storica, come Giovanni e Olinto Marinelli, Cesare Battisti e Ettore Tolomei, sono indagati sulla base del contesto formativo, dell’approccio teorico e metodologico, della produzione scientifica e dei mezzi di divulgazione. La cartografia rappresenta il cuore della riflessione, interpretata quale strumento mediatico per l’educazione e la propaganda.

Matteo Proto è assegnista di ricerca all’Università di Trento e partecipa a un progetto multidisciplinare sul fiume Adige. Laureato in Lettere a Venezia, è dottore di ricerca in Storia d’Europa presso l’Università di Bologna. Le sue ricerche riguardano lo studio dei paesaggi fluviali e la storia del pensiero geografico fra XIX e XX secolo. Fra le sue pubblicazioni: Utopie fuviali: la navigazione padana e l’idrovia Padova-Venezia (2011), Giovanni and Olinto Marinelli, in Geographers: Biobibliographical studies (2014), Acque di terraferma: Il Padovano (con L. Masotti, 2015).

 

Sommario

Premessa: la figura dell’Italia
1. Storiografia, geografia e nazione: un’introduzione metodologica 
1.1. Geografie d’Italia e visioni transnazionali 
1.2. Cartografia critica: il ruolo sociale delle mappe 
1.3. Regioni e confini: lo Stato e il suo territorio 
1.4. La dimensione spaziale della nazione e del nazionalismo 
2. La geografia sul campo: alla ricerca delle tracce storiche e culturali 
2.1. L’Italia oltre l’Unità 
2.2. Geografie coloniali 
2.3. L’unificazione incompiuta: le terre irredente
2.4. Cesare Battisti e Ettore Tolomei: i geografi al confine 
3. La geografia scientifica: i concetti di confine e regione 
3.1. Alla ricerca del confine terrestre: le Alpi e l’alpinismo 
3.2. La geografia integrale di Olinto Marinelli 
3.3. Geografi al fronte di guerra: il confine orientale d’Italia 
3.4. Geografi italiani e tedeschi: dal conflitto d’idee alla guerra 
4. Carte per la Nazione e carte per le colonie 
4.1. L’Istituto Geografico Militare e l’Africa Italiana 
4.2. L’Africa sugli atlanti 
4.3. Cartografia e guerra mondiale 
4.4. Itinerari di guerra: il Touring Club Italiano 
4.5. Atlanti di guerra: la figurazione del conflitto 
5. La geografia dopo la Vittoria 
5.1. Le terre redente 
5.2. Il Trentino e l’Alto Adige: la Venezia Tridentina 
5.3. La Venezia Giulia 
5.4. L’Italia e lo spazio a est 
5.5. Epilogo: la grande Italia 

Bibliografia 
Tavole 
Indice dei nomi
Indice dei luoghi 

 

Continue Shopping
Browse more Book or Bononia University Press products.