Il Museo Monumento al Deportato politico e razziale di Carpi

€35.00

Il Museo Monumento al Deportato politico e razziale di Carpi

e l’ex Campo di Fossoli

a cura di Marzia Luppi e Patrizia Tamassia
--------------------------------------------------------

DETTAGLI 

Formato Dimensione Pagine Lingua Anno ISBN
LIBRO 17x24 284 Italiano 2017 978-88-6923-204-6

--------------------------------------------------------
Partirono dal Campo poliziesco e di transito di Fossoli migliaia di prigionieri politici e razziali per i lager del nord Europa, durante una delle pagine più drammatiche e agghiaccianti della storia dell’umanità.
Sul primo treno diretto per Auschwitz viaggiò anche un giovane ebreo torinese di nome Primo Levi, che rievocò la sua breve permanenza a Fossoli nelle prime pagine di Se questo è un uomo e nella poesia Tramonto a Fossoli. Ferita da questo segno profondo e indelebile la comunità di Carpi è stata una delle prime a porsi con forza e consapevolezza il tema della memoria. Ed è nato così, quarantuno anni fa, un autentico gioiello: il Museo del Deportato è infatti esso stesso un’opera d’arte.
Immaginato e progettato con raffinata sensibilità da uno studio di architetti che aveva vissuto personalmente l’esperienza della guerra e della deportazione rappresenta una realtà unica e originale, uno spazio essenziale, sobrio, distante da ogni tentazione retorica e allo stesso tempo capace di suscitare emozione.
Visitando il cortile delle stele, ammirando i graffiti con le opere di grandi artisti come Longoni, Picasso, Guttuso, Cagli e Léger, entrando nella Sala dei Nomi, non si può non provare inquietudine e turbamento. È un luogo che merita di essere sempre più conosciuto e visitato dalle nuove generazioni.
Accompagniamo i più giovani al Campo e al Museo, in un percorso di conoscenza, per comprendere meglio ciò che assurdamente e barbaramente è accaduto nel cuore della civilissima Europa. Ricordiamo affinché l’orrore non possa ripetersi; affinché ogni minaccia per la libertà, ogni manifestazione di antisemitismo e di razzismo, di violenza e sopraffazione, in tutte le sue forme, venga condannata e messa al bando. È un dovere, un impegno da onorare.
Il futuro si costruisce così.
Dalla presentazione di Dario Franceschini,Ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo

Continue Shopping
Browse more Art book or Bononia University Press products.