In ascolto della realtà: un dialogo fra neorealismo e pensiero debole

€5.00

Da Encyclopaideia n° 37, 2013, Anno XVII. 

Dettagli / Details

Formati disponibili
Dimensione file
Pagine
Lingua
Protezione

pdf

Kb

 

Articolo in Italiano con Abstract in Inglese

Stampa e copia non permesse

Available Format
File Size
Pages
Language
Protection

pdf

Kb

 

Italian Article with English Abstract

Print and Copy not permitted

In ascolto della realtà: un dialogo fra neorealismo e pensiero debole

Maurizio Fabbri
Università di Bologna

Abstract

Qual è la posta in gioco nell’attuale querelle fra neorealisti e sostenitori del pensiero debole? Non certo una disquisizione dal sapore strettamente epistemologico che polarizzi il conflitto fra concezioni della realtà tradizionalmente contrapposte, quanto piuttosto una riflessione sul ruolo che il soggetto, i soggetti del nostro tempo sono chiamati a svolgere in ordine all’esercizio delle proprie responsabilità. In un mondo depauperato di molti suoi spazi di protagonismo, diviene prioritario ripensare alle configurazioni dell’Esterno, quelle in cui gli eventi storici si consumano, spesso al di fuori di ogni logica di concertazione e di negoziazione, e nelle quali la realtà effettuale pare dispiegare i propri giochi di dominio, primo fra tutti quello di rifondare il concetto stesso di realtà. Né il pensiero debole né il neorealismo sembrano in grado, autonomamente, di dare voce a tali processi: è piuttosto dal loro dialogo e dal superamento del gioco delle parti e delle disgiunzioni che possono scaturire gli esiti più interessanti e teoreticamente innovativi, anche per una filosofia dell’educazione che consideri l’esperienza educativa come principale terreno di messa alla prova del problema etico.

Parole chiave: Pensiero debole – Realtà – Soggetto – Condizionamenti – Scioglimento
dei vincoli

English abstract

Listening to reality: a dialogue among new realism and weak thought

What is the problem in the current quarrel between neo-realist and weak thought?
Certainly it’s not a strictly epistemological disquisition about the conflict among traditionally opposing conceptions of reality, but rather a reflection on the role that the
subjects of our time are called upon to perform with regard to the exercise of their
responsibilities. In a world depleted of many of his opportunity of protagonism, one
of the priorities becomes to reflect about the configurations of the Outdoor, those in
which historical events are consumed, often beyond all the logic of consultation and
negotiation, and where reality seems to make their games unfold, first and foremost to
re-establish the concept of reality. Neither the weak thought nor neorealist thought seem able, alone, to give voice to these processes: their dialogue is rather necessary, it may lead to more interesting and innovative results, for a philosophy of education that considers the educational experience as the main plot to test the ethical problem.

Keywords: Weak Thought – Reality – Subject – Constraints – Dissolution of the Ties

 

Continue Shopping
Browse more Magazine or Bononia University Press products.