Ricerca psicologica fenomenologica come scienza, di M. Applebaum

€5.00

Da Encyclopaideia n° 27, 2010, Anno XIV.

Dettagli / Details

Formati disponibili
Dimensione file
Pagine
Lingua
Protezione

pdf

1634 Kb

40

Articolo in Italiano con Abstract in Inglese

Stampa e copia non permesse

Available Format
File Size
Pages
Language
Protection

pdf

1634 Kb

40

Italian Article with English Abstract

Print and Copy not permitted

Abstract 

Marc Applebaum
Saybrook Graduate School – USA

“La filosofia è per me, nella sua idea, una scienza universale e ‘rigorosa’ nel senso più radicale. Come tale essa è una scienza che posa su una fondazione ultima o, che è lo stesso, su un’ultima responsabilità e garanzia di se stessa, una scienza, dunque in cui nessuna ovvietà predicativa o ante-predicativa può fungere da inindagato terreno conoscitivo. Si tratta, insisto, di realizzare nello stile dell’instaurazione di una serie di validità relative e temporanee, attraverso un infinito processo storico un’Idea – ma di realizzarla effettivamente” (Postilla alle idee, idee III, pp. 915-16. A cura di E. Filippini, Torino, Einaudi, 1982).
Il precedente paragrafo sopra riportato illustra una serie di temi correlati che saranno familiari agli studiosi di Husserl. Egli si è dedicato alla scienza fondazionalista e pone una forte enfasi sulla responsabilità del ricercatore: sostiene che la conoscenza prodotta dalla pratica scientifica è prospettica e contestuale, un’intuizione legata alla sua visione di scienza come compito aperto, infinito. Se un metodo di ricerca psicologica deve essere genuinamente definito fenomenologico e husserliano, allora ognuno di questi temi, che rappresentano l’impegno da parte del ricercatore, devono essere presenti, in maniera implicita o esplicita.

Parole chiave: Fenomenologia – Amedeo Giorgi – Metodo – Scienza – Ricerca

English Abstract 

Phenomenological psycological research as science

Marc Applebaum
Saybrook Graduate School – USA

“For me, philosophy, as an idea, means universal, and in a radical sense, ‘rigorous’ science. As such, it is science built in on ultimate foundation, or, what comes down to the same thing, a science based on ultimate self-responsibility, in which, hence, nothing held to be obvious, either predicatively or pre-predicatively, can pass, unquestioned, as a basis for knowledge. It is, I emphasize, an idea, which, as the further meditative interpretation will show, is to be realized only by way of relative and temporary validities and in an infinite historical process—but in this way it is, in fact, realizable.” (Husserl, 1989, p. 406) The preceding passage illustrates a number of interrelated themes which will be familiar to students of Husserl. He is dedicated to foundational science and places strong emphasis on the researcher’s self-responsibility. He asserts that the knowledge yielded by scientific praxis is perspectival and contextual, an insight linked to his vision of science as an open-ended, infinite task. If a psychological research method is to be genuinely termed phenomenological and Husserlian, then each of these themes, which also represent commitments on the part of the practitioner, must be present, implicitly or explicitly.

Keywords: Phenomenology – Giorgi – Method – Science – Research

Continue Shopping
Browse more Magazine or Bononia University Press products.