Tenere desti i sensi e il cuore. Dialogo sulla fenomenologia come metodo di lavoro, di Roberta De Monticelli – Daniele Bruzzone

€5.00

Encyclopaideia n° 31, 2012, Anno XV. 

Dettagli / Details

Formati disponibili
Dimensione file
Pagine
Lingua
Protezione

pdf

1554 Kb

13

Articolo in Italiano con Abstract in Inglese

Stampa e copia non permesse

Available Format
File Size
Pages
Language
Protection

pdf

1554 Kb

13

Italian Article with English Abstract

Print and Copy not permitted

Abstract

Roberta De Monticelli* – Daniele Bruzzone**
* Università Vita-Salute San Raffaele
** Università Cattolica del Sacro Cuore

Da un colloquio tra una fenomenologa di chiara fama e un pedagogista emergono i
connotati dell’atteggiamento fenomenologico, inteso come disposizione intellettuale e morale capace di fondare una “conoscenza personale” nel lavoro di cura. Questa attitudine della mente e del cuore può dar forma al “modo di essere” peculiare di chi, per professione e per vocazione, si prende quotidianamente cura delle persone e della loro esistenza.

Parole chiave: Fenomenologia – Metodo – Conoscenza Personale – Relazione d’aiuto 
– Professioni di Cura

English Abstract

Holding senses and heart. Dialogue on phenomenology as a method in social work

From this conversation between a well-known phenomenologist and a pedagogist the
phenomenological attitude arises as both intellectual and existential disposition, wich is the basis of a “personal knowledge” in care professions. This cognitive and emotional attitude can mould the particular “way of being” which characterizes those professionals who, day by day, take care of people and their existence.

Keywords: Phenomenology – Method – Personal Knowledge – Helping Relationship 
– Care Professions
Continue Shopping
Browse more Magazine or Bononia University Press products.